L’attuale situazione mondiale sta generando un’abbondante risposta di stress a molte persone.

Le notizie che ascoltiamo in tv o leggiamo su giornali e social, l’ansia e le preoccupazioni per il momento presente e i dubbi sul futuro sono terreno fertile per grandi episodi di paura e sconforto.

La paura è un’emozione con una funzione fondamentale: ci permette di prestare attenzione e convergere tutti i nostri sensi e le nostre energie in una situazione specifica, per aiutarci a superarla. Diventa controproducente quando è troppa, perché ci limita nella nostra capacità di reagire alle situazioni.

Nasce quando siamo di fronte ad eventi che non siamo in grado di spiegare, viviamo situazioni sconosciute o eventi rischiosi o dolorosi. In questo periodo così particolare la paura è legata principalmente all’incertezza: quando finirà questo momento? Cosa succederà quando ci sarà un rientro alla nuova normalità?
Gli eventi di questi mesi, la paura per la malattia, l’incertezza del futuro, le preoccupazioni legate al “non sapere cosa accadrà” o per “quanto tempo durerà questa complessa situazione”, la perdita della nostra autonomia, della nostra libertà decisionale, del libero arbitrio, stanno creando terreno fertile per uno sviluppo di un profondo senso di paura e, in alcuni casi, un grande immobilismo e senso di smarrimento dovuto al non sapere cosa fare.

La paura si può gestire in due modi:

  • eliminando l’incertezza: una riduzione dell’incertezza si ottiene quando riusciamo a capire cosa sta succedendo e perché. Questo porta ad una riduzione della paura.
  • trovando una causa alla nostra paura: dare un senso al perché proviamo questa emozione.

La paura del COVID-19. Cosa fare?

Per gestire al meglio la paura è centrale trovare cause e motivazioni del perché la proviamo.  Ecco qualche buona pratica da seguire:

  1. Fermati e valuta con obiettività sensazioni e preoccupazioni. Comprendi in che modo la paura nasce e risiede in te.
  2. Ricerca informazioni scientifiche affidabili e dati oggettivi. È controproducente affidarsi a fonti non sicure, possono alimentare un senso di smarrimento e ansia ancora più forti. Limita nel tempo la ricerca di informazioni, non spendere tutto il giorno a cercare notizie.
  3. Resta in contatto. Condividi i tuoi dubbi e i tuoi pensieri con gli altri. Cerca nel confronto la condivisione delle tue preoccupazioni e la consapevolezza di non essere solo ad affrontare questa sfida.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *