Come interpreti gli eventi? Lo chiamano “locus”

percezione.jpg

Sei pronto a sostenere l’ennesimo esame all’università! Ti sei preparato, ma come spesso accade la tua mente ti pone mille interrogativi su come andrà a finire questa sfida. L’assistente ti chiama, è il tuo turno, ti siedi sulla sedia alla cattedra e…

Poniamo, ad esempio, che l’esame vada bene! Riesci a prendere una buona valutazione e torni a casa sollevato!

Sei portato ad interpretare l’evento in due modi:

  • “Sono stato bravo! Ho studiato molto e l’esito di questo esame dimostra che il mio metodo di studio sia efficace. Sono davvero soddisfatto di me”.

  • “Sono stato molto fortunato! L’esame è stato veloce e mi ha chiesto proprio le due cose che sapevo meglio. Era proprio destino che andasse così!

Ti sei impegnato moltissimo per organizzare la riunione di chiusura di un progetto che ti vede personalmente coinvolto. Speri di ottenere una promozione a seguito del lavoro che hai svolto. Il tuo capo, al termine dell’incontro, ti chiama nel suo ufficio per congratularsi e per presentarti il tuo nuovo responsabile: la promozione che speravi di ottenere è stata data a qualcun altro.

Sei portato a leggere questo evento in due modi (dopo una serie di pensieri non proprio eleganti sul tuo capo!):

  • “Non mi sono impegnato abbastanza! Avrei dovuto impegnarmi di più e lavorare con più constanza”

  • Sono strato davvero sfortunato!  Non sono io che decido non avrei potuto fare nulla per cambiare questa situazione”

Siamo costantemente impegnati ad interpretare gli eventi che viviamo. La nostra infaticabile mente riflette h24 su quello che viviamo, su quanto ci succede, sugli esiti delle nostre azioni.

Qualche giorno fa ti ho parlato di come funzionano le nostre aspettative e di come possiamo reagire agli eventi quando non vanno proprio come ci saremmo aspettatti.

Per dare un senso a quello che ci capita siamo portati a leggere la realtà in due modi:

  1. l’esito dei nostri sforzi dipende da noi “Se riuscirò a raggiungere i miei obiettivi dipenderà esclusivamente da me!”
  2. l’esito dei nostri sforzi dipende da fattori esterni a noi che non possiamo in alcun modo controllare o modifcare. “E’ tutta questione di fortuna! Possono accadere degli imprevisti”

La psicologia ha coniato un termine per definire la percezione che noi abbiamo circa la possibilità di controllare la nostra vita: locus of control (LOC, luogo del controllo, Rotter 1966).

Il locus of control influenza le nostre aspettative, la nostra motivazione ad agire.

Cos’è e a cosa serve il luogo del controllo?

Ci fornisce una spiegazione degli eventi.

Quello che proviamo a seguito di una situazione, l’effetto che gli eventi hanno su di noi, non dipendono dall’evento in sè, ma da come noi lo percepiamo. Il locus of control si riferisce a come le persone interpretano gli eventi: è uno stile di attribuzione causale. In pratica indica quanto siamo convinti che le nostre azioni possano direzionare gli eventi che accadono.

Esistono due tipi di locus of control: interno ed esterno.

Torniamo all’esempio iniziale e modifichiamolo un pochino. Mettiamo, ad esempio, che per l’ennesima volta vieni bocciato all’esame di statistica (un esempio a caso!). Se attivi un locus of control interno ti rendi conto che forse non hai dato il meglio di te, che se studi e ti impegni di più l’esito della prova sarà sicuramente differente. Sei tu che controlli l’esito dell’esame! Il locus of control esterno ti porterà a pensare che sei stato sfortunato, che non sai in grado di superare la prova perchè la professoressa è troppo pignola e non si capisce cosa voglia, che il destino, o qualche oscuro disegno superiore, ti stanno impedendo di raggiungere il tuo obiettivo.

Quello che fai è normale: interpreti la tua realtà dal tuo punto di vista. Quello che cambia però è la percezione che hai di te stesso, della tua autostima, della tua autoefficacia, della tua possibilità di far andare le cose come vorresti.

LOC interno o esterno: cosa cambia?

Se adotti un LOC esterno ti sentirai in balia degli eventi, non in grado di agire sull’esito delle situazioni e delle sfide che dovrai affrontare. Sei portato a pensare che sia il destino che domina la tua vita, che la fortuna abbia un ruolo preponderante nel raggiungimento dei tuoi obiettivi. In questo modo se avrai successo penserai “Sono stato fortunato, non è merito mio!”. Al contrario se le cose vanno male ti ripeterai: “Era destino che non funzionasse, io non potevo fare nulla!” In questo modo sei completamente in balia dell’imprevedibilità e la motivazione a cercare soluzioni alternative è molto debole, certo che tutti gli sforzi che metterai in campo saranno poco ultili.

Un LOC interno d’altra parte ti permette di sentirti protagonista delle tue scelte, sei tu che controlli la tua vita! Questo stile di attribuzione è accompagnato da un forte senso di motivazione, e di risoluzione dei problemi. Le tue azioni, i tuoi pensieri, il tuo impegno nel raggiungere un obiettivo possono fare la differenza. Sei portato a pensare che il successo che ottieni sia merito delle tue capacità e del tuo impegno “Sono stato bravo, mi sono impegnato, ho dato il meglio di me!”. Al contrario se le cose non vanno come sperato ti dirai: “Ecco, non sono stato sufficientemente attento, se le cose sono andate male perchè sono pieno di difetti”. Il caso e gli imprevisti non hanno nessun ruolo sull’esito delle tue azioni.

Quale LOC hai?

La domanda è un po’ trabocchetto in realtà! Questa distinzione non è così netta in nessuno di noi: non siamo totalmente “interni” o “esterni”. Non c’è uno stile di attribuzione migliore. Dipende. Ognuno di noi ha una dominanza di uno stile rispetto all’altro e sono molte le fonti che ci fanno modificare la nostra capacità di interpretare gli eventi: il ruolo che abbiamo, la circostanza che stiamo vivendo, le nostre aspettative a riguardo degli eventi.

Lo scenario migliore, più adattivo e salutare, è una giusta via di mezzo: dobbiamo premiarci per i nostri successi, riconoscendo il nostro merito e valore, ma non colpevolizzarci all’eccesso per i nostri fallimenti, stigmatizzando quelli che sono alcuni dei nostri difetti, permettendoci, a volte, di considerare che noi abbiamo dato il massimo, anche se le cose non sono andate come avremmo desiderato!

CAPITA!

Cosa dicono di te le rughe sul tuo viso?

elefante.jpg

Rughe??? Quali rughe?

Ah… queste piccole righe che si formano accanto agli occhi quando sorrido?

Oh cielo, ma non vanno via quando chiudo la bocca… che il tempo stia realmente passando anche per me?

Lavoro nell’ambito della formazione da… beh…più di 10 anni. Ho iniziato come docente all’università, poi mi sono aperta alle aziende ed ai privati. All’inizio è stata dura in effetti, o meglio faticoso, farsi prendere “sul serio”. Chissà perchè la competenza e la preparazione, in certi ambiti lavorativi, si misurano in base al numero di capelli bianchi che si possiedono: più ne hai più ne sai!

Ma io mi tingo 😉 … e questa bella faccina da tardo-adolescente (una volta) ha faticato, almeno i primi 10 minuti di ogni incontro, a far capire a manager, a studenti poco più giovani di me, a genitori poco più grandi di me, che sono una persona preparata e con un buon grado di esperienza… sui libri e sul campo!

Cosa dicono di me le mie rughe?

Trovo che siano l’espressione tangibile delle esperienze che ho vissuto, della fatica fatta per raggiungere traguardi lungamente e faticosamente inseguiti. E’ come se fossero delle piccole cicatrici indelebili che mi ricordano il passato, la “me” di prima. Una ruga per il diploma, per le lauree, per il dottorato, per le relazioni amorose concluse e per quelle amicali che procedono o che sono, ormai da tempo, terminate. Sono il segno di un passato che non può tornare… e alle volte è davvero consolante che sia così. Ma indicano anche il percorso che la mia vita sta prendendo, i desideri a cui mirare, le aspirazioni e gli obiettivi che guidano le mie scelte da adulta, ed  hanno segnato e modificato il mio percorso di vita, offrendo allo specchio un’immagine di me sempre diversa, comunque più matura, più saggia per dirla in modo elegante 😀

Le rughe sono uno dei segni della nostra memoria, che dobbiamo portare in viso -ed in cuore- con orgoglio. Ci ricordano quanti momenti belli abbiamo vissuto e dentro quali tempeste abbiamo navigato.

Poi beh… io sono anche abbastanza fortunata… ho pochissime zampe di gallina 😀 ho la pelle bella come quella della mia mamma! Evviva i cromosomi!

Tu come sei messo a rughe? Cosa dicono di te? Quali avventure raccontano di te? Dovresti interrogarle ogni tanto sai, e guardarti indietro… fa bene portare alla mente i traguardi raggiunti, non ricordiamoci solamente delle fatiche dei nostri percorsi, ma stringiamoci la mano e congratuliamoci con noi per dove siamo riusciti ad arrivare!